napoleggiamo
up
home

07/05/2021

Spezia - Napoli: l'analisi tattica

Spezia - Napoli: l'analisi tattica

Il primo anticipo della trentacinquesima giornata di serie A si disputerà allo stadio Picco di La Spezia dove i padroni di casa ospiteranno il Napoli. La formazione allenata da Italiano è ancora pienamente invischiata nella lotta per evitare la retrocessione e dopo il pari strappato in extremis sul campo del Verona vuole continuare ad ottenere punti pesanti per tirarsi fuori al più presto. Peraltro, i liguri hanno già battuto all'andata i partenopei ed hanno fatto spesso soffrire compagini di rango superiore.

La formazione spezzina gioca un calcio molto spregiudicato, mai sparagnino, anche al cospetto di avversari sulla carta superiori. La squadra di Italiano mette in campo tanta grinta e determinazione oltre ad un discreto dinamismo Il modulo tattico più utilizzato è il 4-3-3 con gli esterni bassi che accompagnano sempre l'azione e le mezzali Maggiore ed Estevez che fanno la doppia fase costantemente. Il riferimento in avanti è normalmente un attaccante di peso, di solito Nzola, tuttavia per il match contro il Napoli c'è ballottaggio tra il giovane Piccolo e l'esperto Galabinov tenuto conto che il calciatore angolano è squalificato. La fisicità della punta centrale è funzionale anche alle caratteristiche dei due attaccanti esterni che sono molto mobili e bravi nel saltare l'uomo come Gyasi e Verde, quest'ultimo molto pericoloso anche nei tiri da fermo. Il punto debole dei liguri è senza dubbio la difesa con la coppia di centrali Ismajli ed Erlic che sono molto forti fisicamente ma non proprio rapidi sul breve.

Questa circostanza dovrebbe indurre Gattuso a confermare al centro dell'attacco Osimhen che con la sua velocità potrebbe essere determinante per le sorti della gara. Gli azzurri dovranno sfruttare molto anche le fasce laterali dove i terzini Marchizza e Vignali talvolta faticano a rientrare con i tempi giusti ed in quegli spazi si possono inserire gli attaccanti di Gattuso coadiuvati dalle mezzali e dal movimento in orizzontale di Zielinski. Il tecnico azzurro ha gli uomini contati in difesa a causa delle defezioni di Koulibaly e Maksimovic, in particolare l'assenza del senegalese è molto pesante sia per la solidità difensiva acquisita ma anche perchè riesce a far partire l'azione offensiva specialmente nei casi in cui l'avversario di turno riesce ad "ingabbiare" i centrocampisti azzurri. Quindi in questa occasione Demme e Fabian Ruiz  dovranno abbassarsi davanti alla difesa per farsi consegnare la palla per avviare la manovra.

Antonio Rea

twitter

Spazio Sponsor: