up
home

07/10/2020

Napoli: Bakayoko ciliegina sulla torta, per una rosa competitiva.

Napoli: Bakayoko ciliegina sulla torta, per una rosa competitiva.

Una strana sessione di calciomercato estivo, dettato dalla crisi economica dovuta alla pandemia, si è chiusa il 5 ottobre. E adesso è tempo del più classico dei bilanci: il Napoli chiude in bellezza il proprio mercato, trovando in Bakayoko il tanto agognato sostituto di Allan e completando una rosa già forte. Gli azzurri hanno coperto un vuoto non indifferente, ingaggiando a titolo tempo temporaneo l'ex Monaco, che in grado di poter giocare e in un centrocampo a due (4-2-3-1) e a tre (4-3-3). Gattuso, così, ha a disposizione un profilo di esperienza intenzionale, duttilità e fisicità, a completamento di un reparto mediano già variegato. E non è tutto. Perché, alla compagine partenopea, va dato il merito di aver saputo trattenere Koulibaly e di aver investito con lungimiranza su Osimhen, Petagna e Rrahmani. Il nigeriano ha già mostrato tutto il suo potenziale nelle prime due giornate di campionato, nonostante gli sia mancato il gol; gli ex, rispettivamente, di Spal e Verona, acquistati lo scorso gennaio, ampliano, invece, il ventaglio di scelte a disposizione di Ringhio. In uscita, Giuntoli è stato altresì abile nel trovare la giusta collocazione agli "esuberi": Ounas al Cagliari; Younes all'Eintracht Francoforte; Allan all'Everton (massimizzando il guadagno); e Luperto al Crotone. Milik e Llorente, invece, rappresentano due situazioni diverse: il polacco ha deciso di andare in scadenza di contratto; lo spagnolo è, ad oggi, probabilmente, l'ultima scelta in attacco per il tecnico partenopeo. La società azzurra, in linea di massima, hanno saputo muoversi con estrema oculatezza, tentando di puntellare un organico di grande valore ma in fase di rinnovamento. L'unico neo potrebbe riguardare la mancata ricerca di un terzino sinistro, da alternare a Mario Rui. Tuttavia, nel mercato "limitato dal covid", il Napoli è stato uno dei pochi club libero di potersi muovere per tornare ad essere estremamente competitivo.

Alessandro Alberto Di Porzio

twitter

Spazio Sponsor: