napoleggiamo
up
home

Sezioni

Cerca articolo

 

Top Gol Torneo Fritz Dennerlein - Premio B-personal

Roberto Ciccarelli presenta lo Spettacolo Teatrale 'A Dirotto piove... a Napoli no!

Intervista a Chiara Marciani, Assessore del Comune di Napoli

18/09/2022

Campania: incontro in Regione per risolvere problema infezione da brucellosi

Campania: incontro in Regione per risolvere problema infezione da brucellosi

Massima disponibilità della Regione Campania a risolvere in modo definitivo il problema dell’infezione da brucellosi che colpisce alcuni allevamenti della provincia di Caserta, e per la completa riqualificazione di un comparto decisivo della nostra regione. I Sindaci delle aree interessate potranno dare un contributo determinante per costruire un clima di fattiva collaborazione e dialogo tra le istituzioni e gli allevatori.

E' quanto emerso nel corso della riunione che si è tenuta presso l’Assessorato regionale all’Agricoltura a cui hanno partecipato il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, l’Assessore regionale all’Agricoltura Nicola Caputo, il Commissario straordinario all'applicazione del programma di eradicazione della brucellosi Generale Luigi Cortellessa, il sub commissario, Capitano Michele Valentino Chiara, il Direttore del Dipartimento di Prevenzione e sanità pubblica veterinaria, dott. Paolo Sarnelli, il Direttore Generale dell’A.S.L. di Caserta, dott. Amedeo Blasotti e i Sindaci dell’area interessata (Cancello ed Arnone, Carinola, Castel Volturno, Grazzanise e Santa Maria La Fossa) –

Nel corso della riunione sono state comunicate le strategie di contrasto finalizzate a eradicare la brucellosi e la tubercolosi bufalina e sono stati illustrati i risultati conseguiti e gli obiettivi di breve termine fra cui:

- il ripopolamento degli allevamenti a seguito di stamping out, che da subito prevede un percorso dedicato e una valutazione delle istanze caso per caso, con l’esecuzione di verifiche sanitarie pubbliche e collegiali atte a constatare l’esistenza dei requisiti di bio-sicurezza, a prescindere dalla distanza minima di 500 metri da allevamenti in cui sono presenti capi positivi alla “BRC” o “TBC”;

- l’abbattimento dei tempi di attesa per ottenere le indennità previste a seguito della macellazione dei capi disposta dalle Autorità Sanitarie Locali, con la creazione di uno sportello unico per la ricezione delle relative istanze in Grazzanise, presso cui gli interessati potranno consegnare, personalmente o a mezzo pec dedicata, la documentazione necessaria;

- la gestione degli effluenti zootecnici provenienti dagli allevamenti risultati infetti da brucellosi o tubercolosi, attraverso il prelievo presso l’azienda, il trasporto in massima sicurezza sanitaria e il trattamento dei reflui presso i biodigestori del territorio, mediante una procedura che garantisce l’inattivazione dei citati agenti patogeni e la produzione di energia;

- uno studio, per finalità statistiche, sui capi risultati infetti da “BRC” o “TBC” avviati alla macellazione, con prelievi ematici e successive analisi a cura dell’I.Z.S. di Teramo. 

L’Assessore all’Agricoltura, On. Nicola Caputo, il Direttore del Dipartimento di Prevenzione e sanità pubblica veterinaria, dott. Paolo Sarnelli, il Direttore Generale dell’A.S.L. di Caserta, dott. Amedeo Blasotti, hanno illustrato inoltre, tutti gli aspetti di propria competenza e le attività messe in campo dalla Regione per snellire gli oneri burocratici, agevolare l’informazione in favore degli allevatori e pervenire alla risoluzione delle varie criticità, nel rispetto del quadro normativo vigente.

E' quanto riportato in una nota di Palazzo Santa Lucia

La Redazione

twitter

Spazio Sponsor: