napoleggiamo
up
home

06/01/2021

Napoli-Spezia 1-2: Petagna - gol illude gli azzurri, Nzola e Pobega sbancano il Maradona

Napoli-Spezia 1-2: Petagna - gol illude gli azzurri, Nzola e Pobega sbancano il Maradona

Gli azzurri giocano la prima partita casalinga del 2021 contro lo Spezia. Allo stadio Diego Armando Maradona, termina con la vittoria dei bianconeri contro un Napoli davvero insufficiente.

Gattuso non cambia strada, rispetto alla trasferta di Cagliari. In porta c'è Ospina; Manolas e Maksimovic, al centro della retroguardia, affiancati da Di Lorenzo e Di Lorenzo. Bakayoko e Fabian presidiano la mediana. Zielinski, sulla trequarti, agisce in appoggio a Lozano, posto come "falso nueve". Politano e Insigne completano l'undici iniziale.

Italiano sceglie il 4-3-3, con l'inamovibile Provedel, tra i pali. I terzini Vignali e Marchizza fiancheggiano i centrali Terzi ed Ismajli. Maggiore, Agoumé e Deiola costruiscono il trio di centrocampo. Agudelo e Farias sono gli esterni offensivi, in appoggio al centravanti Nzola.

I partenopei approcciano bene, con aggressività e pressione molto alta. Manca, però, la precisione sotto porta: Insigne ha la possibilità di mettere la gara in discesa, ma il suo destro a tu per tu con Provedel è larghissimo. Con il trascorrere dei minuti, sembra venir fuori lo Spezia, ma sono i sempre i padroni di casa a tenere per mano le redini della gara.

Lozano ruba palla, all'estremo difensore ligure, e serve il talento di Frattamaggiore che spara sul portiere avversario. Sul prosieguo dell'azione, né Fabian né lo stesso numero ventiquattro centrano la porta. Altra chance, al 21esimo: Politano, dopo una buona iniziativa personale, entra in area lasciando partire un sinistro che si perde oltre la traversa. Napoli troppo impreciso e sprecone.

Il dominio territoriale, tuttavia, continua anche negli ultimi minuti del primo tempo, su di un avversario praticamente impalpabile. Il Napoli, così, riesce ad arrivare per l'ennesima volta nell'area di rigore, sull'asse Zielinski-Insigne, al 37esimo: destro fiacco del partenopeo, deviazione di Provedel. È l'ultimo episodio degno di nota di un primo tempo a reti bianche.

La contesa riparte senza cambi, per entrambe le compagini, e con due tiri innocui di Lozano. Gattuso, allora, effettua il primo cambio al 53esimo, per conferire più peso all'attacco: fuori Politano per Petagna. Che si rende immediatamente pericoloso, costringendo l'ex portiere alla grande risposta sul destro ravvicinato.

Il 25enne attaccante è in palla, e lo dimostra pienamente, al 58esimo, mettendo a segno il tanto agognato 1-0 con un gran taglio prima del tocco vincente. Al 68esimo, il Napoli si complica la vita da solo: Fabian atterra maldestramente il neo entrato Pobega (per Deiola, in area di rigore. L'arbitro decreta il penalty, realizzato senza esitazioni da Nzola.

Gli uomini di Gattuso tentano di rimettere la contesa sui binari giusti. Ringhio rileva Zielinski e Bakayoko, inserendo Elmas e Lobotka, la 77esimo. Dopo un minuto, Ismajli è espulso per somma di ammonizioni. Cambia, insomma, la contesa, ma non il risultato: azzurri inconsistenti in avanti. E fragili in difesa.

Perché i bianconeri rimontano in maniera inaspettata, ribaltando completamente la situazione. Pobega realizza il 2-1, all'81esimo, ribadendo in rete la sfera rimessa in campo dal palo. Un colpo tremendo che stende gli azzurri. Che, clamorosamente, gettano alle stelle il 2-2: destro altissimo e ravvicinato di Elmas. Il Napoli, dunque, esce sconfitto dallo scontro con i liguri.

 

Alessandro Alberto Di Porzio

twitter

Spazio Sponsor: