napoleggiamo
up
home

01/08/2020

Napoli-Lazio 3-1. Immobile come Higuain. Ora per il Napoli il Barça

Napoli-Lazio 3-1. Immobile come Higuain. Ora per il Napoli il Barça

Nell’ultima giornata della Serie A 2019-2020, il Napoli ospita la Lazio. Gli azzurri non hanno più interessi di classifica. Gli aquilotti sognano il secondo posto e soprattutto Immobile sogna di battere il record di Higuain.

Gattuso sceglie il seguente 11, secondo lo schema 4-3-3: Ospina tra i pali; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly e Mario Rui difesa a quattro; Fabian, Lobotka e Zielinsk a centrocampo; capitan Callejon (all’ultima gara al San Paolo in maglia azzurra?), Mertens e Insigne in attacco.

Simone Inzaghi risponde col solito 3-5-2: Strakosha in porta; Patric, Luiz Felipe e Acerbi difensori centrali; Lazzari, Milinkovic, Parolo, Luis Alberto e Marusic a centrocampo; Immobile e Correa in attacco. Arbitra Calvarese di Teramo. Al VAR Di Paolo di Avezzano.

La Lazio parte forte e cerca di favorire Immobile che è il più motivato di tutti. Al 4’ il bomber di Torre Annunziata sfiora il gol di sinistro sugli sviluppi di calcio d’angolo, ma liscia il pallone. Al 9’ Napoli avanti con un sinistro liftato di Fabian. Sull’1-0, il Napoli poi comincia, come spesso capita, a sciupare le occasioni, cosa che fanno Insigne e Zielinski. Ma alla prima occasione, come spesso capita, il Napoli subisce gol. È proprio Immobile al 22’ sul filo del fuorigioco a battere Ospina. Per lui 36 gol come l’ultimo Higuain al Napoli. A 10 minuti dalla fine Mario Rui sfiora il 2-1, ma la palla fa la barba al palo. E si va al riposo sull’1-1. 

Nella ripresa, molto meglio il Napoli. La Lazio cerca soprattutto di giocare di rimessa. Tanto nervosismo in campo. Al 54’ Mertens si mangia il gol, ma nell’azione Parolo lo colpisce e Calvarese fischia il quinto penalty agli azzurri in questa stagione. Insigne insacca e manda il Napoli sul 2-1. Al minuto 81’ Insigne si fa male e lascia tutti col fiato sospeso in vista della gara di Champions. Gattuso manda dentro Elmas, Politano, Lozano, Ghoulam e Demme al posto di Callejon, Zielinski, Insigne, Mario Rui e Lobotka. Al 93’ grande azione tra Di Lorenzo e Mertens che manda in gol Politano. È il 3-1. Poi Calvarese fischia la fine con qualche secondo di anticipo, visto che gli animi in campo si sono surriscaldati. Termina 3-1 per il Napoli.

Il campionato del Napoli termina con 62 punti, con 61 gol fatti e 50 subìti, al settimo posto. Uno score che deve far riflettere e dal quale ripartire nella prossima stagione. L’acquisto di Osimhen dovrà essere solo il primo tassello. C’è un bel po’ di cose da fare. Ma prima c’è Barcellona-Napoli, gli azzurri cercheranno l’impresa, ben sapendo di dover fare gol in Catalogna. Sperando di recuperare Insigne (uscito dolorante con la Lazio). Potrebbe non essere l’ultima partita stagionale del Napoli.

Vincenzo Perrella

twitter

Spazio Sponsor: