napoleggiamo
up
home

12/05/2019

Spal - Napoli 1-2. Prima Allan, poi Mario Rui risponde a Petagna

Spal - Napoli 1-2. Prima Allan, poi Mario Rui risponde a Petagna

Nella 36esima giornata della Serie A 2018-2019 il Napoli è di scena al Paolo Mazza di Ferrara, contro la già salva SPAL. Già matematica la qualificazione in Champions e il secondo posto, il Napoli vuole onorare le ultime tre giornate di campionato.

Ancelotti schiera un Napoli con Meret tra i pali; Malcuit, Koulibaly, Luperto e Mario Rui in difesa; Allan e Zielinski con Callejon e Fabian formano il quartetto di centrocampo; in attacco il duo ex Ajax formato da Milik-Younes.

Semplici conferma la sua SPAL con Lazzari e Fares (obiettivi di mercato del Napoli) esterni nel 3-5-2, con Floccari in attacco con Petagna. Arbitro Abbattista di Molfetta. VAR Piccinini di Forlì.

Impiega 5’ il Napoli per il primo tiro in porta. Si tratta dell’ennesimo palo stagionale colpito da Milik, poi Allan impegna Viviano che si salva in calcio d’angolo. Al 13’ presunto fallo in area azzurra di Koulibaly su Petagna, ma Abbattista (in campo) e Piccinini (al VAR) non vedono irregolarità. Al 32’ Younes scambia con Zielinski e poi salta tutti i difensori, ma calcia a lato della porta di Viviano. Al 41’ Callejon sfiora il palo alla sinistra di Viviano. Si va al riposo sullo 0-0 dopo 10 tiri totali e il 69% di possesso palla del Napoli. Ma gol zero.

La ripresa parte col botto. Al 49’ il Napoli passa con un destro a rientrare di Allan, dopo uno scambio con Younes. E’ il primo gol quest’anno del brasiliano. Sull’1-0, il Napoli ha il potenziale 2-0 in canna ma non lo sferra. Anzi, dal 74’ sale in cattedra Meret miracoloso su Antenucci e all’80’ su colpo di testa di Floccari. All’83’ fallo di Luperto su Floccari e abbatti sta indica il dischetto. Petagna calcia e Meret quasi lo para, ma la palla termina in rete. Ancelotti manda dentro Ghoulam e Verdi al posto di Zielinski e Younes. Viene spostato più avanti Mario Rui. Il portoghese dimostra di avere maggiori qualità quando attacca. Al minuto 88’ è proprio il portoghese, dopo scambio con Callejon, a battere Viviano per il 2-1 conclusivo. Da notare che Ancelotti concede quattro minuti alla stellina della primavera Gianluca Gaetano.

Il Napoli giunge a quota 76 punti in classifica. Nelle due ultime gare contro Inter e Bologna ci sarà qualche esperimento e qualche minuto in più per alcuni giocatori schierati di meno. Intanto deve cominciare l’operazione rafforzamento per la prossima stagione, evitando una ridda inutile di voci, puntando direttamente a giocatori superiori per un Napoli sempre più forte.

Vincenzo Perrella

twitter

Spazio Sponsor: