napoleggiamo
up
home

09/03/2019

Sassuolo - Napoli: l'analisi tattica

Sassuolo - Napoli: l'analisi tattica

Il Napoli riprende il cammino in campionato dopo la bella vittoria ottenuta in Europa League contro il Salisburgo; gli azzurri sono attesi dalla trasferta in terra emiliana contro il Sassuolo  nel match delle 18.00 valevolele per la ventisettesima giornata di serie A. L'avversario è molto difficile da affrontare specie sul proprio campo, ha giocatori in rosa molto interessanti ed un tecnico, De Zerbi, che ha un'idea tattica sempre propositiva con l'obiettivo di comandare il gioco attraverso il possesso palla.

Indicare con numeri il modo di stare in campo della squadra neroverde è molto complicato, infatti De Zerbi modifica sovente il proprio schieramento adattandosi alle circostanze ed all'avversario di turno. Il sistema di gioco più utilizzato, comunque, è il 4-3-3 anche se talvolta il riferimento centrale in attacco non è una punta di ruolo proprio in virtù del fatto che preferisce il grande possesso palla e la manovra organizzata. Inoltre, nella gara d'andata si schierò addirittura con un 3-5-2 ed i due attaccanti erano Djuricic e Boateng, pertanto non è escluso che l'allenatore bresciano presenti qualche variabile tattica per cercare di sorprendere l'avversario.

Il Sassuolo ha una disposizione in campo molto "ampia" con i terzini che giocano molto larghi per avere più spazio di manovra e costringere gli avversari che pressano a coprire maggiore zona di campo. La manovra parte dal portiere e dai difensori che scambiano spesso il pallone anche con i centrocampisti che sono molto abili tecnicamente, in particolare Sensi e Locatelli si fanno dare palla nei piedi in posizione bassa e sono bravi a ribaltare l'azione ed al contempo attaccare con transizioni verticali. Anche gli esterni alti hanno un ruolo fondamentale nello scacchiere tattico neroverde, essi sono chiamati a fare sia la fase difensiva per tutta la gara ma soprattutto essere pericolosi sul fronte offensivo con tagli verso l'area di rigore e tiri dalla distanza. Da questo punto di vista Berardi eccelle ma anche Djuricic è insostituibile in quanto riesce a coprire una grande zona di campo.

Tuttavia, questo modo di giocare molto spregiudicato e con centrocampisti più bravi nella fase di impostazione rispetto a quella di interdizione fa si che il Sassuolo subisca tanti goal. Pertanto, il Napoli dovrà attaccare per vie centrali considerato che le corsie laterali sono ben presidiate dagli uomini di De Zerbi. Fabian e Zielinski, se in giornata, possono diventare molto pericolosi grazie alla loro bravura di attaccare per vie centrali ma anche Ounas potrebbe avere una chance perché potrebbe tornare utile un elemento che salta l'uomo nella metà campo avversaria.

Antonio Rea

twitter

Spazio Sponsor: