napoleggiamo
up
home

29/12/2018

Napoli-Bologna 3-2, azzurri brutti e vincenti: Mertens salva i suoi. Doppio Milik

Napoli-Bologna 3-2, azzurri brutti e vincenti: Mertens salva i suoi. Doppio Milik

Dopo il tonfo di San Siro, il Napoli chiude il suo anno solare e il girone di andata, trovando il successo contro un ottimo Bologna: 3-2 a margine di una sfida avvincente. Gli azzurri tengono l'Inter a 5 punti di distacco, ma devono ritrovare gioco e solidità.

Ancelotti deve rinunciare sia agli squalificati Insigne e Koulibaly, sia all'infortunato Hamsik; ma ritrova il rientrante Verdi e rilancia Malcuit nel suo 4-4-2 dal primo minuto. Meret, a protezione dei pali, si ritrova davanti Albiol, Maksimovic e Ghoulam, che completano il quartetto arretrato insieme all'ex Lille. Allan e Zielinski occupano la zona centrale del campo, affiancati da Callejon ell'ex felsineo. In avanti, Milik e Mertens.

Inzaghi e i suoi, reduci dalla sconfitta interna con la Lazio, si dispongono con un vigoroso 3-5-2: Skorupski e il terzetto Danilo-De Maio-Helander formano il pacchetto difensivo. Poli, Pulgar e Svanberg presiedono la mediana, affiancati sulle fasce da Dijks e Mattiello. Santander e Palacio costituiscono il tandem offensivo.

Inizio del match a favore dei felsinei: si propongono al 4', in ripartenza con Palacio, che serve Poli, ma il suo tiro (al volo) esce di poco sul fondo. L'ex Inter è vivacissimo, nonché difficile preda della difesa casalinga: scodella in mezzo all'area, Maksimovic e Meret fanno loro la palla. Gli azzurri, dopo un avvio lento, prendono le misure agli avversari, pur non giocando al meglio. Milik, infatti, trova il vantaggio al 14esimo, dopo una mischia in area, su tiro rimpallato di Mertens. Mertens che, al 25esimo, sfiora il 2-0, con un tiro a giro da lontano, alzato prontamente sopra la traversa da Skorupski.

I partenopei falliscono ancora il raddoppio nell'arco di un minuto, tra il 32esimo e il 33esimo: con Milik, in entrambe le occasioni. Il polacco, prima colpisce la traversa e, dopo, manda di pochissimo a lato a portiere battuto. I rossoblu, tuttavia, sono in partita ed agguantano il pareggio, con Santander (di testa), al 37esimo, lasciato da solo dalla retroguardia napoletana. Il centravanti bolognese è, poi, costretto a lasciare il campo per infortunio, al 42esimo: dentro, quindi, Facinelli, che per un "nulla" manca l'appuntamento con il 2-1, a pochi minuti dal suo ingresso. È l'ultima azione di un brutto primo tempo, da parte degli uomini di Ancelotti.

La ripresa comincia con un calcio di punizione di Mertens, al 47esimo, dalla media distanza che si perde sopra la traversa. Al 50esimo, sugli sviluppi di un corner, Callejon si ritrova la palla sui piedi che appoggia tra le braccia del portiere ex Empoli, a pochi passi da quest'ultimo. Gli azzurri insistono e, dopo un minuto, trovano il 2-1 ancora con Milik (su cross splendido di Malcuit): marcatura di testa di gran caratura. Il Bologna reagisce con Falcinelli che, servito da angolo, spedisce di poco a lato. Ed è ancora Bologna, al 53esimo: Palacio è servito da Mattiello, ma la sua l'inzuccata è leggermente imprecisa. Napoli più vivace, nel secondo tempo, ma troppo sofferente sulle palle alte.

Al 57', il tecnico di Reggiolo procede con la sua prima sostituzione: Fabian per Verdi. Gli uomini di casa hanno cambiato approccio, rispetto ai primi 45 minuti di gioco: buon palleggio (talvolta lezioso) e pressing alto. Milik, al 66esimo, lascia partire un potente sinistro, chiuso da Skorupski sul primo palo. Mario Rui, quindi, dopo 2 minuti, entra al posto di Ghoulam. Al 71esimo, invece, Inzaghi lancia nella mischia Nagy, al posto di Svanberg.

I partenopei mancano il 3-1 per un "soffio" al 72esimo, quando Mertens si vede murare un destro diretto in porta, poi finito in angolo. Gli ospiti non desistono e, nonostante un secondo tempo privo di sussulti offensivi, trovano il pari per la seconda volta: 2-2 siglato da Danilo, all'80, servito da palla alta inattiva. Ancelotti si gioca il tutto per tutto, inserendo Ounas in luogo di Callejon, all'84esimo.

Il terzo cambio e il doppio pari, rinvigoriscono la squadra casalinga, che trova il 3-2 con un gran destro a fil di palo di Mertens. Il folletto belga mette a segno una segnatura importantissima, anche con la complicità di Skorupski (in ritardo). Sul capovolgimento di fronte, Mario Rui salva i suoi sulla linea di porta, annullando il colpo di testa di Palacio (90'). Il contropiede successivo non frutta come dovrebbe: è debole e centrale il destro di Ruiz. Il Bologna non ci sta e sfiora il clamoroso 3-3 con Palacio. Gli uomini guidati da Inzaghi non si arrendono, fino al 94esimo, quando l'arbitro sansisce la fine delle ostilità. 

Alessandro Alberto Di Porzio

twitter

Spazio Sponsor: