napoleggiamo
up
home

26/12/2018

Inter-Napoli 1-0: sconfitta beffa per gli azzurri, la Juve allunga ancora

Inter-Napoli 1-0: sconfitta beffa per gli azzurri, la Juve allunga ancora

Accorciare le distanze dalla vetta capitalizzando il mezzo passo falso della Juventus, fermata sul 2-2 a Bergamo dall'Atalanta nel pomeriggio, e spedire ad undici punti di distacco la più diretta inseguitrice. Questi gli obiettivi del Napoli che scende in campo a San Siro contro l'Inter nel posticipo della diciottesima giornata del girone d'andata. Ancelotti lancia dal primo minuto Meret, opta per il tandem offensivo Milik-Insigne e schiera, a sorpresa,  Callejon terzino destro preferendo Mario Rui sull'out opposto a Ghoulam. Sul versante opposto Spalletti, costretto a rinunciare a Nainggolan per motivi disciplinari, sceglie il 4-3-3, assetto nel quale la coppia Perisic-Politano accompagna sugli esterni l'azione di Icardi e Borja Valero viene preferito a Vecino per completare la linea mediana. Gli azzurri non riescono ad avere la meglio sui padroni di casa  e non riescono a sfruttare l'occasione per ridurre le distanze dalla capolista. L' 1-0 finale rispecchia nel complesso l'andamento di una sfida nella quale i nerazzurri hanno spesso tenuto il pallino di gioco rendendosi pericolosi in più di una circostanza mentre gli ospiti hanno saputo ben contenere le folate interiste per poi tentare di colpire in ripartenza sfiorando il gol nel finale con il salvataggio di Asamoah sulla conclusione a botta sicura di Zielinski . Il tecnico emiliano può sicuramente ritenersi soddisfatto del rendimento difensivo dei suoi che  dopo i tentennamenti iniziali sembrano aver trovato l'assetto ideale. A decidere le sorti del confronto la girata vincente di Lautaro Martinez al primo minuto di recupero. Imperdonabile il nervosismo finale di Koulibaly che macchia una prova sontuosa con un applauso ironico a Mazzoleni dopo la giusta ammonizione e ancor di più da condannare lo scatto di nervi del numero ventiquattro partenopeo che insegue Keita e lo scalcia rimediando un rosso che potrebbe costargli almeno due giornate di squalifica. Indispensabile per migliorare il rendimento ritrovare il miglior Insigne, stasera autore di una prestazione da dimenticare, e la vena realizzativa di Mertens anche se a prescindere dai singoli un pizzico di personalità  in più stasera non avrebbe sicuramente fatto difetto.

Andrea Addezio

twitter

Spazio Sponsor: