napoleggiamo
up
home

29/11/2018

Napoli, Ancelotti - Liverpool: un legame nel tempo tra il destino e il rettangolo di gioco.

 Napoli, Ancelotti - Liverpool: un legame nel tempo tra il destino e il rettangolo di gioco.

È noto come Carlo Ancelotti sia allenatore ed uomo di mondo: ha vinto in in Francia, Inghilterra, Spagna e Germania dopo aver lasciato il segno con il Milan, all'inizio del nuovo secolo. Ed è affascinante il modo in cui la storia ed il calcio possano, talvolta, incrociarsi e dare vita ad intrecci inaspettati.

Perché il Napoli, questo, di Carlo Ancelotti ha (il) Liverpool come tappa inevitabile del suo destino europeo. Un futuro enigmatico, di cui gli azzurri sono tuttavia padroni, che si ricollega a momenti storici (trionfali e non) del tecnico di Reggiolo. Ancelotti contro i Reds riporta alla memoria la rocambolesca finale di Istanbul del 2005, persa ai rigori dai rossoneri di "Don Carlo": un match "ipotecato" nel primo tempo con un 3-0, trasformatosi nell'incubo del 3-3 e dal penalty decisivo parato da Dudek e fallito da Shevchenko.

Ma la rivalità tra Ancelotti e il Liverpool rievoca anche la vendetta gloriosa del 2007, in quel di Atene, dove i suoi Diavoli Rossi batterono i rivali grazie alla doppietta di Filippo Inzaghi, a cui rispose senza positivo esito Kuyt nel finale. Quello era il Liverpool di un uomo che poi avrebbe anche rappresentato una storica e dolceamara pagina della storia azzurra: Rafael Benitez, l'uomo delle due finali disputate contro i rossoneri e della nascita "sin prisa, sin pausa" del Napoli dall'appeal internazionale che oggi conosciamo.

Un Napoli che, in questi anni, si è fatto apprezzare per la qualità del gioco espressa  grazie al lavoro di Maurizio Sarri e dei suoi giocatori. Questi calciatori, oggi, sono guidati da quel Carlo Ancelotti abituato a scrivere la storia e a non aver paura di quest'ultima, per superarsi e scrivere un'altra pagina sportiva dal sapore leggendario, qualora dovesse uscire indenne dall'Anfield Road contro il temibile Liverpool di Klopp e qualificarsi agli ottavi di finale di Champions League.

Alessandro Alberto Di Porzio

twitter

Spazio Sponsor: